mercoledì 29 maggio 2013

PH ALTERATO


Sono partita in quarta ma già mi sono arenata.

Queste giornate sono ispide e urticanti, fasi decisive in cui non si riesce a prendere una cazzo di decisione (lavorativamente parlando) che il limbo della precarietà non è poi così incerto, ma ti hanno talmente lacerato le ovaie che in fondo l’idea di chiudere il capitolo non ti dispiace neanche più di tanto.

Comprendo che in questo periodo la situazione jobbesca non offre granché e il mio sfogo è una bestemmia nei confronti di chi un impiego lo cerca da parecchio, però se devo farmi venire il sangue amaro con tanto di remunerazione a lungo termine chiudo i battenti.

Tra l’altro l’esperimento di allontanare i pensieri “gravidanti” non è che funzioni nel modo più auspicabile.

A parte lo spargimento di pancioni con i quali mi scontro giornalmente, ci sono anche gli addetti alle pubbliche relazioni  profondamente  interessati alla mia condizione di diversamente mamma. “Ma tu un bimbo quando me lo fai?” quando me lo fai? No dimmi partecipi  all’amplesso? Vuoi assistere alle mie trombate coniugali?

Che poi queste idee retrogradi mi fanno venire l’orchite, santo iddio, puoi programmarti una ceretta, un aperitivo con le amiche,puoi anche programmare di fare l’amore col tuo uomo  ma ci sono cose che non si possono programmare  e per tutto il resto c’è mastercard.

E in men che non si dica arriva il periodo post ovulazione, sintomatico infimo e bastardo pertanto corri ai ripari Lady B evita di palparti le tette in continuazione per verificare il loro stato di gonfiore / indolenzimento, non escogitare nausee fittizie (soprattutto dopo aver ripulito la dispensa delle schifezze), non  fare tuoi i sintomi delle tue amiche che ce l’hanno fatta e non simulare una stanchezza improvvisa quando è da mesi che dormi come un bradipo  fatto di camomilla.

Vabbè passo e chiudo che rileggendo queste righe è evidente lo stato premestruale.

Lady b.

 

 

15 ma che me lo dici a fa!:

  1. Uno degli ingredienti più importanti ed efficaci per vivere bene è di NON paragonarsi ad altri.
    Stare sulla propria linea, attenzione ai propri desideri ed aspirazioni, come realizzarli, aggiustare piani ed azioni, verificare... insomma c'è già tanto da fare qui; osservare il giusto (poco) quello che fanno, non fanno le altre.

    Funziona!

    RispondiElimina
  2. Direi un uomo SAGGIO in cammino! Le tue parole sono verissime ma a volte ci facciamo condizionare troppo dal mondo che ci sta attorno e questo e' il risultato... Faro' tesoro del tuo consiglio

    RispondiElimina
  3. Non ti scoraggiare, fai un bel respiro e guarda avanti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci proverò Valmont!
      Grazie mille

      Elimina
  4. hahahahahahahahah grazie Lady B., ora so che non sono la sola ad inventare nausee e tastarmi le tette nel PO nel cesso dell'ufficio. Ti adoro già :D

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il problema la princess e che a me capita pure in ufficio, mica solo ar cesso!
      L'adoraggio è ricambiato!
      A presto

      Elimina
  5. Quando me lo fai un figlio??? O_O
    Per ora si sono limitati a chiedermi e voi figli?
    Ma poi dico io, ma che cazzo te ne frega!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che certe domande a noi ricercatrici senza risultati ci feriscono, non c'è niente da fare!
      Ti abbraccio carissima

      Elimina
  6. Mi verrebbero certe risposte acide....ma mi devo trattenere...Per ora do la colpa al Tato che "non si sente pronto"...Ma è dura in certe giornate sentirsi fare certe domande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è rimango talmente spiazzata manu che non so neanche come glissare la cosa!

      Elimina
  7. Ciao Lady B., mi aggiungo anch'io!!! Siamo entrambe nel post ovulazione, se ti può consolare anch'io sono preda dei sintomi più assurdi e fantasiosi, come ogni mese del resto..gli voglio quasi bene, ai miei sintomi finti...Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ci sei affezionata ellie?
      io invece vorrei essere "asintomatica", non sentire niente e non farmi condizionare da queste "tettone"...
      Che casino la PO

      Elimina
  8. Diciamo che cerco di fare buon viso a cattiva sorte..ormai dopo un anno e mezzo in cui mi fregano sempre li conosco uno a uno: ecco le tette gonfie..ecco i pizzichini nella pancia..ecco la nausea...ah, già la stanchezza, mancavi solo tu! Dai, resistiamo e nel frattempo inganniamo la mente pensando a qualsiasi altra cosa!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. potresti rispondere che devi ancora imparare bene, che prima di concretizzare devi fare pratica! :)
    odio gli impiccioni!
    direi che il consiglio migliore è quello che ti ha dato UnUomoInCammino
    sii te stessa e vai, orgogliosamente te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un risposta troppo educata sandra non trovi???
      Io vorrei zittirli sti curiosi!
      Benvenuta e grazie mille

      Elimina

I commenti fanno sempre piacere soprattutto se nascono da un interesse disinteressato nella lettura del post! Vabbè che il numero spropositato di commenti fa del blogger un Vip ma se intervieni come i cavoli a merenda mi ferisci profondamente...